venerdì 21 novembre 2008

Riciclo sacchetti

Spesso vado all'agraria a prendere i legumi secchi o ad un alimentari che vende frutta secca a buon prezzo e penso che comprando gli alimenti sfusi si produce meno rifiuti.
Infatti, per esempio invece che 5 sacchettini da 200 g di uvetta ne prendo direttamente 1 kg e quindi uso solo un sacchetto, anche se più grande.

Però quando poi mi ritrovo con una certa quantità di sacchettini in casa, mi viene da pensare l'unico modo per non inquinare sarebbe andare al negozio direttamente con la vaschetta dove noi riporremo l'alimento, o al massimo andare col sacchetto della volta precedente.
Solo che la 1° ipotesi è da scartare subito... vi immaginate andare al negozio con i propri contenitori da riempire? Vi immaginate le persone accanto a me e il negoziante come mi guarderebbero?!?
La 2° ipotesi sarebbe un po' più fattibile, ma comunque un po' imbarazzante... mi immagino il negoziante che nella sua testa pensa "ma questa riporta i sacchetti perchè vuole lo sconto!?" o altri antipatici pensieri... insomma sono convinta che immaginerebbe tutto tranne che il motivo reale... e secondo me anche una volta dettogli il perchè rimarrebbe ugualmente un po' perplesso.

Allora pensavo ad un'escamotage per evitare di buttarli tutti direttamente nella plastica, visto che, specialmente se si va a comprare frutta o legumi secchi, il sacchetto rimane bello pulito.

L'unica idea che mi è venuta in mente sarebbe quella di riutilizzarli come sacchetti per congelare gli alimenti.. invece di comprarli apposta... meglio di niente..

I suggerimenti sono sempre bene accetti!

EDIT:
1° CONSIGLIO DA CATY: Non ho un'alternativa a quelle che hai proposto tu, ma vorrei dare un consiglio sui sacchetti dei biscotti composti da poliaccoppiati (quelli composti da plastica esternamente ed alluminio internamente, per intenderci).
Visto che sono difficili e costosi da riciclare, prima di buttarli via, soprattutto in estate,io li uso per mantenere al fresco i prodotti che acquisto al supermercato, in modo da creare una sorta di isolante (se occorre porto con me anche la tavoletta del ghiaccio sintetico) per cercare di mantenere costante la temperatura dell'alimento.

3 commenti:

caty ha detto...

Non ho un'alternativa a quelle che hai proposto tu, ma vorrei dare un consiglio sui sacchetti dei biscotti composti da poliaccoppiati (quelli composti da plastica esternamente ed alluminio internamente, per intenderci).
Visto che sono difficili e costosi da riciclare, prima di buttarli via, soprattutto in estate,io li uso per mantenere al fresco i prodotti che acquisto al supermercato, in modo da creare una sorta di isolante (se occorre porto con me anche la tavoletta del ghiaccio sintetico) per cercare di mantenere costante la temperatura dell'alimento.

scriccia ha detto...

Ottima idea!!! Riporto il tuo commento direttamente nel post ;-)
Marta

Puccina ha detto...

Due consigli davvero interessanti!!!

I sacchetti di plastica magari si possono riutilizzare al supermercato...

In negozio, invece di portarsi dei contenitori di plastica, ecc, perché non portare delle belle borsettine per la spesa di stoffa, magari con su scritto "fagioli", "uvetta", "noci", ecc.
Si dice: "mi riempie queste, per favore, che poi io li tengo qui, che si conservano meglio che nella plastica, sono belli ordinati in dispensa..., ecc.".
Le borse di stoffa è normale riutilizzarle, per cui la cosa non dovrebbe stupire più di tanto...