giovedì 27 settembre 2007

MARMELLATA DI BACCHE DI ROSA CANINA

Era tanto che non mi trovavo in usa serata piacevole come ora... fuori piove, sono a casa sola soletta di fronte al computer a riordinare foto e sistemare ricette, una teiera con del the caldo, la mia dolce Lunetta sul suo tappetino accanto a me, luce soffusa e musica... relax... approfitto per scrivere un po'...

Finalmente sono riuscita a preparare la marmellata di bacche rosa canina... e io che ho dato della pazza alla povera Antaress perchè aveva aperto ogni singolo acino di uva fragola...

Beh, io ho fatto molto peggio! Prima di tutto è già abbastanza un'impresa raccoglierle in mezzo a tutte quelle spine...
Poi aprire tutte quelle bacche una ad una, con i guanti per non bucarsi (e poi mi bucavo lo stesso..) e togliere tutti i semini... è da impazzire! Tant'è che domenica, giorno stabilito per pranzare con i miei nonni, mi sono portata dietro il lavoro.. e a fine pranzo ho continutato a togliere quei benedetti semini. Mio nonno si è prestato volentieri ad aiutarmi.. e lui anche senza guanti ha fatto questo lavoro.. ha le mani tipiche di un lavoratore, con la pelle ormai irrobustita e quindi non sentiva nemmeno tutte le spinettine... così, a fine aiuto, passa dietro di me e mi da una pacca amorosa sulle spalle............ DOLOOOREEE!!! Non si era ancora lavato le mani... e mi sono ritrovata la spalla tutta un prurito... poverino, mi è diapiaciuto, perchè non ci aveva nemmeno pensato... per lui i peli urticanti non esistevano proprio!

Ma passiamo agli ingredienti e alla preparazione:
500 g di bacche pulite
100 ml vino bianco secco circa
800 ml acqua circa
200 g zucchero

PRIMA DI COMINCIARE MUNITEVI DI GUANTI!!!!

FASE 1: TOGLIERE IL GAMBETTO VERDE E TAGLIARE VIA LA PUNTA NERA.

FASE 2: TAGLIARE A META' TUTTE LE BACCHE

FASE 3: TOGLIERE TUTTI I SEMINI E I PELI URTICANTI

FASE 4: Mettere tutte le bacche nello scolapasta e sciacquarle bene bene,
Dopodichè buttarle in pentola e aggiungere il vino e l'acqua. Far cuocere per una ventina di minuti, o comunque finchè non si sono un po' ammorbidite.FASE 5: FRULLARE IL TUTTO CON IL MIXER AD IMMERSIONE FINO AD OTTENERE UNA PUREA. La cosa bella di questa bacca è che non necessita nè di frutta pec, ne di molto zucchero, nè di molta cottura per addensarsi, infatti vi accorgerete che appena frullata la futura marmellata ha già raggiunto una consistenza ottima!

FASE 6 : Passare tutto da un colino strizzando molto bene, ed eventualmente bagnare i filamenti che rimangono nel colino per far uscire ancora meglio tutta la polpa (dopo tutta questa fatica per pulire le bacche!!!!).
Questi filamenti sembra che siano irritanti per l'intestino, infatti non a caso le bacche sono chiamate anche "grattaculi"!! Quindi conviene toglierli tutti!!

FASE 7: SIAMO QUASI ALLA FINE!
A questo punto si fa bollire di nuovo tutta la purea che sembrerà passata di pomodoro, e si aggiunge zucchero a piacere. Io ne ho aggiunto solo 200 g perchè mi piace il sapore un po' aspro tipico di questa bacca, però ciò non toglie ne possiate aggiungere di più!

Invasettare e far bollire per 25 minuti, per pastorizzare e per fare il sottovuoto.

BUON LAVORO!!

Note: Questa marmellata è sicuramente la più preziosa e faticosa fatta fin ora, ma da molta soddisfazione!

38 commenti:

Antaress ha detto...

Mamma mia, che pazienza!!!! E io stavo diventando matta a pulire l'uva, queste bacche sono molto molto peggio!!
Però dà soddisfazione, eh??

Gata da plar ha detto...

Ti ho trovata cercando appunto questa ricetta! :)
Non so perchè ma la rosa canina ha un fascino per me irresistibile! Mi piace il fiore, l'arbusto, il colore delle bacche tutta la pianta insomma! E così ho cercato se c'era il modo di usare le bacche ed eccolo qui! :D
Grazie, copio di brutto, le raccoglierò e proverò! Bacioni!

Anonimo ha detto...

Ciao, finalmente una ricetta chiara e corredata di foto come si deve! Grazie milleee

scriccia ha detto...

prego!

Celtibera ha detto...

Semplicemente STUPENDA, spiegazione perfetta, foto altrettanto e sei anche molto bella! Tornerò da te senz'altro!

Celtibera ha detto...

Semplicemente STUPENDA, spiegazione perfetta, foto altrettanto e sei anche molto bella! Tornerò da te senz'altro!

Anonimo ha detto...

Anch'io ho fatto il tuo stesso ingrato lavoro... sfinente, per fortuna anch'io ho avuto una mano!!!!
Però io le ho messe sotto sale aromatizzate con il finocchio forte e vengono molto buone.
Adesso proverò anche la marmellata!!! :)

Anonimo ha detto...

Stavo cercando questa ricetta e sono capitata qui... complimenti... ottima spiegazione, sei stata veramente molto chiara!
Ciao e grazie della ricetta!
Vero75

Elena ha detto...

Ciao Marta!Brava bravissima coraggiosissima a fare quella marmellata... cercavo la ricetta perchè ho appena finito di raccogliere un enorme cesto di bacche ma...no, non ho la forza di fare quello che hai fatto tu, perciò...cosa potrei fare? Farle seccare ed usarle per il tè? Mi va bene qualunque cosa basta non doverle aprire a metà e togliere i semini...Aiut!

Anonimo ha detto...

ho trovato la tua ricetta - spiegaziene ottima !!! :-)
avevo solo 300 gr. di bacche, ma che lavoro .... non credo che la rifarò !!

Tryagain ha detto...

Da quando me l'hanno regalata, rigorosamente fatta in casa, ho voluto provare a prepararla anch'io. Ora che, con l'aiuto della famiglia, la sto preparando, devo dirti che la spiegazione che hai dato è, semplicemente, perfetta!
Ti ringrazio e verrò a cercare altre ricette.

Ri ha detto...

Ciao!come ogni anno in questa stagione mi prendo una domenica free per raccogliere questa bacca meravigliosa...e come ogni anno cerco incuriosita le ricette di altri. E' la prima volta che trovo una spiegazione così accurata delle varie fasi..complimenti!!

jana ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
jana ha detto...

ciao, bella ricetta. Ho racolto oggi pomeriggio le bacche proverò a farla domani.Grazie da jana

Anonimo ha detto...

Oggi ho fatto la marmellata di corbezzoli: 1kg di corbezzoli puliti dai rametti; 600 gr di zucchero di canna; un limone spremuto e la sua bucccia fatta a striscioline; un bicchiere d'acqua.Far cuocere a fuoco lento per mezz'ora i corbezzoli, fruullarli finemente con il minipimer, aggiungere lo zucchero, il succo fi limone e le striscioline di scorza, fare la prova del piatto messo in verticale. Regalarla solo a chi la apprezza. Ciao Gianni

Anonimo ha detto...

Ciao!Ricetta davvero esaustiva...
Proprio ieri ho raccolto delle bacche di rosa canina, ma credo che non siano ancora buone per marmellata....aspettando di raccoglierne altre in autunno, queste le utilizzerò per tisane e cure cosmetiche.Grazie!:)

Anonimo ha detto...

mi hai fornito la ricetta che cercavo! ma le bacche devono essere rosse o possono essere anche verdi?

Anonimo ha detto...

Ciao sono Maddalena, stamattina sono partita con mio marito, che ho precettato, e ho raccolto circa 3 Kg di bacche, anche noi andiamo matti per la marmellata... Riprovo una ricetta diversa dalla tua, con la scorza di limone di Sorrento anzichè il vino bianco, che ho già testato l'anno scorso, e le bacche messe a cuocere intere, senza subire pizzicori perineali, garantito! L'anno scorso ho tenuto pure i semi, ma sono impossibili, tipo sassolini, non come quelli delle more, che si sopportano meglio. Per quest'anno ho trovato un passino a Trieste che pare riesca a toglierli.. speriamo! Complimenti per le foto, il tuo è un lavoro più certosino del mio di sicuro, ti aggiornerò sui risultati... In ogni caso lo scorso anno non abbiamo neanche avuto un raffreddore, secondo me i virus si sono spaventati dei semi di rosa canina che ogni tanto si trovavano nell'apparato digerente, avranno pensato che fossero proiettili a loro destinati!!!! :) Un saluto... Mad

Anonimo ha detto...

Grazie per la ricetta..ti ho trovata cercando info in più su questa pianta..domani si parte alla raccolta di rosa canina!..ste

Anonimo ha detto...

Cercavo la ricetta e.... clik ho trovato il tuo Blog che è decisamente molto simpatico .
Due anni fa ho piantato una rosa canina nel mio giardino proprio per raccogliere le bacche per farne poi marmellate e..... già che ci sono ti consiglio due film che ti potrebbero piacere:
LANTERNE ROSSE di Zhang Yimou
IL LABIRINTO DEL FAUNO (non ricordo il regista!)
E due libri.
IL CORPO DELLA DEA di Selene Ballerini
Propone un’affascinante esplorazione metastorica lungo le Tradizioni Magiche Femminili di area occidentale e si svolge in tre tappe, Passato, Presente e Futuro
DONNE CHE CORRONO CON I LUPI di Clarissa Pinkola Estès
L’autrice esalta nella donna tutto ciò che è forte, intelligente, indomito. Un tributo all’animo femminile......
ciao.... Dagoberta

adriano ha detto...

complimenti un bel sito chiaro con foto e molto divertente. oggi abbiamo fatto 100 km per prendere le bacche di rosa canina.ci sarà molto lavoro,(x mia moglie) ma ne vale la pena. A presto adri. pina

Franco.Dory ha detto...

ciao sono francesco ,credo che meglio di così non potevi fare nella spiegazione della marmellata di rosa canina ,brava ,
io da anni faccio un liquore di queste bacche e vanno lavorate allo stesso modo è molto vitaminico ed è buono se non lo conosci ti posso dare la ricetta ,saluti francesco

Gatadaplar ha detto...

Aiuto... avevo puntato un cespuglio pienissimo di bacche sopra casa mia ma... mi hai fatto passare la voglia... :DDDD

A presto! ^^

Gatadaplar ha detto...

MA DAIIIIIII!!!! ^____^
Si vede che anche due anni fa mi era presa la fissa (sullo stesso cespuglio)... ho visto i vecchi commenti e ce n'è uno anche mio! :*DDDD

Bacioni!

Anonimo ha detto...

ma quando è il momento giusto per raccogliere le bacche?? devono essere morbide o dure?? in questo periodo si trovano sia in un modo che nell'altro ma..non sapendo non vorrei sbagliare!! grazie per la ricetta, spero di riuscire anch'io.
ciao silvana

yolanda ha detto...

ciao scriccia, complimenti la tua ricetta è perfettamente descritta e sopratutto trovo utilissima la capillare descrizione relativa ai semini malefici :)...,mi chiamo Yolanda e ti scrivo daAlbano Laziale (Roma), sono anche io del segno del toro e adoro cucinare e crearmi la mia piccola dispensa di leccornie e siccome da queste parti c'è un posto pieno di bacche di rosa canina vorrei fare un tentativo quindi i tuoi consigli sono preziosissimi....almeno so cosa mi aspetta :)....grazie e buona giornata - Yo

Anonimo ha detto...

Brava!!! ottima spiegazione,farò al più presto la marmellata da te descritta .Ho letto tante ricette ma la tua è la migliore di tutte.Grazie
anonimo veneziano

Anonimo ha detto...

bellissima spiegazione!!
una domanda ANCORA: mi sai dire quando le bacche sono mature e come te ne accorgi? devono essere molli o quando sono molli sono già passate? grazie e complimenti ancora per la ricetta!!!!
gRAZIEEEEEEEEEEEEE

Anonimo ha detto...

La sto facendo: speriamo che risulti buona dopo che le spine mi hanno tolto il primo strato della pelle!!!!!!!

Federika ha detto...

Ciao..sono capitata qui per caso..stavo cercando notizie sulla rosa canina e ti vado a pescare il blog di una toscana come me!!
Oggi andrò in cerca di bacche di rosa canina così anche io proverò a fare la marmellata..spero non sia lunga come la marmellata di castagne che ho fatto ieri.. A questo punto spero che tu faccia un giretto sul mio blog :) ciao e buona giornata

Anonimo ha detto...

bella la ricetta, ma se non si ha tempo si puo uscire di casa prenderne un pugno metterselo in bocca e cominciare a masticare,
e si sputacchiano i semi umn po alla volta.. uahuuu..
fammi sapere cosa ne pensi.

Anonimo ha detto...

ciao, ho visto il tuo blog cercando come utilizzare le bacche di rosa canina, oltre alla tisana fatta con i frutti essiccati che utiizzo normalmente nel periodo invernale.

Oggi le ho raccolte e grazie all'aiuto di mamma e nonna ho raggiunto il risultato della pulizia in un pomeriggio... davvero antipaticoooo :P

Ho la marmellata sul fuoco, ti saprò dire, per ora ti ringrazio della ricetta!

Ciao
Valeria da Varese

Anonimo ha detto...

Favolosamente meraviglioso!
Sono un forte goloso della rosa canina e faccio a gara e lotto con le volpi che ne sono ghiottissime...
Sono un escursionista e sia a piedi che con gli sci, quando trovo un cespuglio, ne faccio uso.
Mi dissetano, rendono l'alito fresco e profumato, mi saziano, e difendono da malattie.
Cosa vuoi di più!
Da tanti anni volevo fare la marmellata...oggi mi sono deciso!
Ci vuole tempo per cogliere le bacche ad una ad una…, ti graffi,a casa mia moglie non mi ha aiutato, ma la marmellata non l'assaggerà, devi aprirne una dopo l'altra per togliere i semi...e poi basta seguire la tua ricetta.

Ho messo un po' più di zucchero, ma dipende dai gusti...
Al posto del vino ho messo la buccia di limone che uso nelle altre marmellate.
Ho saltato una fase, la 6,ma solo per fare prima, anche se lo ritengo importante.
Restano in bocca questi filamenti che possono dare fastidio, ma sono sicuro che non fanno male all'’intestino perché quando li mangio appena colti, bè in bocca li senti questi aghetti, ma confermo il fastidio è solo nella bocca…!

LUCIANO PELLEGRINI CHIETI

Iniziato ha detto...

Ottimo post, ho una pianta di rosa canina di quasi due metri carica di bacche e cercavo proprio un post come il tuo grazie!

Anonimo ha detto...

Ciao Scriccia sono Virna di firenze, fantastica la tua marmellata di rosa canina anche se laboriosa... provala con i formaggi io ho fatto un figurone ad una cena con amici e l'ho anche regalata per natale insieme ad altre mie marmellate...prova quella di marron glacé con lo squacquerone ed i coccoli fritti direi sublime !!!!!!!!

Anonimo ha detto...

ciao Scriccia,ho appena finito la tua ricetta di marmellata di rosa canina(lunga preparazione e faticosa),ma con qualche mia modifica,un poco di liquore di bacche di Corniolo insieme al vino e acqua...,e poi alla fine il succo di un limone e un poco di cannella...,buonissima!!!(Ennio,Varese)

Re Use ha detto...

siiii voglio provare!

Anonimo ha detto...

Ho provato a fare la marmellata ma non avevo la ricetta, ho passato al passaverdure la polpa con i semini per separarli dopo 10 minuti di cottura, ho rimesso al fuoco con lo zucchero e dopo 15 minuti ho invasettato. Buon risultato ma con la ricetta sarà ancora meglio. Salutoni.